Archive for 1 marzo 2008

Cosa sono e come si creano foto HDR

marzo 1, 2008
hdr2.jpg

Recentemente, navigando su internet, mi sono imbattuto nelle foto effettuate con la tecnica dell’ HDR rimanendone affascinato. Essendo oltre che blogger, anche un fotoamatore non potevo non scrivere un’ articolo sull’ argomento. L’ HDR, acronimo di High Dynamic Range (Alta Gamma Dinamica), è una tecnica utilizzata in computer grafica e in fotografia per aumentare artificialmente la gamma dinamica di una foto, ossia il rapporto di contrasto. Le pellicole e i sensori (CCD o CMOS) hanno infatti una bassa gamma dinamica (limitata capacità di “leggere” tra le ombre piene e luci più intense) in confronto all’ occhio umano. Per scattare una foto HDR è necessario utilizzare un treppiede scattando più foto sotto e sovra esposte della stessa scena. Un software, ad esempio Photomatix mette tutto insieme creando queste foto così surreali. Per chi vuole approfondire l’argomento ecco un interessante articolo ed alcuni link dove potete ammirare foto HDR: Link1, Link2, Link3 (Italia in HDR).

Foto HDR: [Flickr]

Annunci

Usi firefox? Prova a selezionare questo testo col mouse…;)

marzo 1, 2008

firefox.jpg

Fonte: [Norinme]

Wubi – Installare Ubuntu Linux da Windows

marzo 1, 2008
wubi.jpg

Wubi è un programma Windows gratuito e open source che installa l’ultima versione di Ubuntu Linux in configurazione dual boot, senza operare alcuna partizione dell’hard disk.
È un file eseguibile compresso, che in grado di installare un sistema operativo Linux come si fa per attivare un semplice programma su Windows. Basta salvare l’eseguibile in una directory, scompattarlo e il programma installa nella cartella tutti file del sistema operativo Linux. Aperto Wubi, viene scaricata l’ultima immagine .iso di Ubuntu e salvata nella cartella dove è presente Wubi. Riavviando Windows, compare una scelta fra il sistema operativo Windows e Ubuntu. Scegliendo quest’ultima, il sistema procede a un’installazione non grafica di Ubuntu, pronto anche su sistemi con partizione NTFS.
Il risultato è quello che si ottiene con il dual boot: possibilità di scelta all’avvio fra più sistemi operativi indipendenti. In questo caso, Ubuntu non ha un proprio boot loader e una propria partizione, ma usa quella di Windows. Ubuntu può essere disinstallato e reinstallato ripetute volte, aprendo Windows e rimuovendo l’applicazione.

Fonte: [Wikipedia]